Ginestra di Valsecchi

Ginestra di Valsecchi

Nome scientifico: Genista valsecchiae Brullo et De Marco
appartiene alla Famiglia delle Fabaceae
in sardo viene chiamata: Spina de topi, Tiria burda

 

Distribuzione. Specie endemica esclusiva della Sardegna; la si può trovare esclusivamente nella parte sud occidentale della Sardegna. Si rinviene sporadicamente nelle isole di S. Antioco e S. Pietro, nelle aree costiere dell'iglesiente e infine nel territorio montano del Marganai.


Ecologia e habitat. E’ un arbusto spinoso alto da 50 a 80 centimetri, con rami verdi sottili e abbondanti. Ha due tipi di foglie, quelle inferiori sono trifogliate e quelle superiori sono semplici. I fiori sono papilionacei, con una forma che ricorda la farfalla, gialli e riuniti in un’infiorescenza definita a “racemo” cioè  sistemati un uno sopra l’altro lungo su un fusticino fiorifero principale. Fiorisce tra aprile e giugno. Il frutto è un legume, di forma ovale di circa 10 millimetri di lunghezza di color verde che a maturazione oltre a diventare bruno mostra anche un evidente uncino all’apice. Il piccolo legume contiene all’interno 1 o 2 semi, globosi, di colore nero.
Cresce nei dirupi, negli spazi aperti aridi delle zone costiere; raramente sulle dune consolidate. Insieme ad altri arbusti forma garighe in particolar modo nei versanti esposti al mare. La si può trovare dal livello del mare sino a circa 600 metri di altitudine.


Curiosità. Non molto tempo fa questa specie veniva individuata come Genista ephedroides e veniva segnalata la sua presenza nel settore nord orientale della Sardegna (nei pressi di Santa Teresa di Gallura) e nella Sardegna sud-occidentale (Sulcis Iglesiente). Successivi studi hanno dimostrato che gli individui delle popolazioni del nord Sardegna erano differenti da quelli del settore meridionale; così, per il Sulcis-Iglesiente, è stata creata la nuova specie dedicata alla Professoressa Franca Valsecchi che si è dedicata allo studio del genere Genista in Sardegna e nei territori del Mediterraneo occidentale.