Palma nana

Palma nana

Nome scientifico: Chamaerops humilis L.
appartiene alla Famiglia delle Palmae
in sardo viene chiamata: Parma de Santu Perdu martiri

 

Distribuzione. La Palma nana è distribuita nelle aree intorno al Mediterraneo occidentale, e comprendono: la Penisola Iberica, l'Africa settentrionale, le isole Baleari, la Sardegna, la Sicilia e alcune regioni della penisola italiana. In Sardegna la specie è rara, ma dove è presente, arriva a formare delle importanti popolazioni arbustive medio basse come quelle che si trovano nei dintorni di Alghero e Capo Caccia, nel Sinis e nell'isola di Sant' Antioco


Ecologia e habitat. La Palma nana è una pianta perenne, arbustiva a fusto breve e talvolta del tutto assente (acaule), di altezza di circa 2-3 metri e con radici molto robuste. Il fusto generalmente è ricoperto dalle cicatrici lignificate (cioè che diventano legnose) causate dal distacco delle vecchie foglie. Talvolta alla base dei fusti nascono dei nuove fusti che sviluppano come nuove piantine. Le foglie di colore verde scuro sono a forma di ventaglio. Sono formate da 10-15 segmenti lunghi e appuntiti, uniti l’uno con l’altro alla base. Presenza di un lungo picciolo (parte della pianta che unisce la foglia al fusto) di 20-70 centimetri, grosso, fibroso, spinoso ai margini. I fiori maschili e femminili, di colore giallo, crescono su piante diverse (pianta dioica) e sono riuniti in infiorescenze dette pannocchie. Queste sono lunghe 20-40 cm. e sono avvolte da due involucri (astucci) vellutati di colore rossastro che si aprono alla fioritura. Fiorisce nel periodo compreso tra il mese di aprile a giugno. Frutto è un dattero dalla forma ovale, giallo-dorata del diametro di 2-3 cm.
La Pama nana si trova da 0 a 600 m di altitudine in terreni aridi, sabbiosi e rocciosi sia in aree costiere che in ambienti con garighe, macchie, boschi.


Curiosità. In passato le radici venivano consumate, mentre le foglie veniva usate per la costruzione di scope, di cesti e vari lavori di cordame. Anche i giovani germogli veniva usati tantissimo come alimento, questo utilizzo ha probabilmente, contribuito, a rimpicciolire il suo areale.