Salicornia emerici

Salicornia emerici

Nome scientifico: Salicornia emerici Duval-Jouve
appartiene alla Famiglia delle Chenopodiaceae
in sardo viene chiamata: Sussuini

 

Distribuzione. Specie diffusa nell’area mediterranea occidentale. In Italia è sporadica nei litorali del Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Sicilia, Sardegna. In Sardegna è rara e la si trova in alcune aree salmastre vicino ai litorali.


Ecologia e habitat. Erba annua o biennale, fusto eretto, alto da 20 a 50 cm, carnoso (succulento), di un colore verde chiaro che si arrossa tantissimo a maturità. E’ ramificato alla base, con rami spesso lignificati ma solo alla base e superiormente carnosi, questi sono formati da articoli messi l’uno sull’altro, cilindrici e abbastanza grossi. Le foglie sono piccolissime e dall’aspetto simile a scaglie appiattite, carnose, inserite nel fusticino una opposta all'altra fuse assieme a formare un articolo che avvolge il fusto. I fiori sono piccolissimi e riuniti in altrettanto piccole infiorescenze, poste lungo la parte terminale dei rametti (spighe) di 3-6 cm. I fiori sono disposti a tre a tre con quello centrale grande tanto da sovrastare quelli laterali, sono disposti in piccole nicchie. Fiorisce tra agosto e settembre.
E’ una specie alofita che vive in aree salmastre che vengono periodicamente inondate. Cresce in lagune basse aperte al mare.


Curiosità. Alla fioritura gli articoli si ingrossano e i rami prendono la forma  “torulosa” . Il toroide è una forma geometrica che ricorda una ciambella col buco, per cui sovrapponendo molti articoli a forma di ciambelle si ottiene un fusto “toruloso”.